Tellkiddo

sacos-Tellkiddo-16

In questi ultimi mesi sono diventata Instagram dipendente e una delle scoperte più interessanti è stata Tellkiddo. Quando sono andata a curiosare il sito la presentazione del marchio mi è piaciuta ancora di più: “My name is Maria and I’m based in Stockholm (ndr Beata te!!!!) with my family full of boys (ndr solidarietà). Tellkiddo is my place for illustration, full of pure illustration fun”, due frasi semplicissime, ma incisive proprio come le sue creazioni.

il_570xN_646124249_8dqa

Maria realizza principalmente oggetti in carta, in particolare sacchi per i giochi, poster e biglietti tutti caratterizzati da sfondo bianco e un disegno nero estremamente semplice a tratto grosso. I sacchi sono ovviamente il pezzo forte, nascono per riporre i giocattoli, ma possono contenere qualsiasi cosa e adattarsi a ogni ambiente della casa.

il_570xN_644799219_ch4i

E ora viene il bello, per festeggiare i 5K followers su Instagram per le prossime 48 ore le spese di spedizione sono offerte! A voi quale piace di più? io mi sono presa panda e Batman 😉

Per maggiori informazioni potete visitare il sito internet o la boutique Etsy.

il_570xN_650514907_q2tu

Kids Room Zoom

1394541975867L’evento assolutamente imperdibile del Fuorisalone è Kids Room Zoom ovvero l’allestimento dedicato al mondo dei bambini curato da unduetrestella.

Il titolo di questa quarta edizione è “My Superpower is…” e come ogni anno troverete arte, design e food per bambini oltre a tantissimi atelier e workshop davvero entusiasmanti. La particolarità di quest’anno sarà l’allestimento, Kids Room Zoom ricreerà, infatti, un appartamento in cui troverete giochi, libri, mobili,… tutto a misura di bambino!

I Supereroi, ovvero gli artisti e designer che parteciperanno, sono moltissimi alcuni sono degli amici di cui vi ho parlato in passato… ecco alcune meraviglie che troverete esposte:

I cavallini di pezza che Caffelatteacolazione ha presentato all’ultima edizione di Pitti bambino e che ripropone a Milano con nuove stampe.

1471745_585622854866176_276639621_n Il letto Casita di Kid’s Modulor di cui vi parlerò nei prossimi giorni

CASITA_1

Il Kids Desk di Matca Studio oltre alla bellissima seggiolini Livia di cui vi ho parlato qui.

e45377038b8c2cdd225fc73f28d17bd6

E ultimo, ma non meno importante, le lavagne adesive di The li’l market, una bellissima boutique online creata da tre mamme di cui non vi ho ancora parlato, ma che rappresenta un vero e proprio punto di riferimento in Italia per il design a misura di bambino.

drago_eppelaAppuntamento quindi a Kids Room Zoom in via Giuseppe Revere 6, dal 8 al 13 aprile!

Il bosco in casa

522671_251124984987951_789774386_n

Confesso di essere in difficoltà…. non so da dove cominciare per raccontarvi di questa bellissima azienda spagnola che realizza mobili per bambini. “El bosque en casa” è la collezione con cui nel 2012 Maria e Daniel Ortega Baldò, dello studio Menut, si sono presentati al pubblico e con cui hanno vinto numerosi riconoscimenti tra cui INJUVE Design e il Golden A’ Design International Award per la categoria Baby, Kids, Children’s Products design. I mobili Manut sono pensati per coesistere con gli oggetti di ogni giorno che troviamo nelle case di ciascuna famiglia, avendo bene in mente, però, le necessità e i desideri dei più piccini. Vi chiederete probabilmente come mai non vi propongo le ultime creazioni di questo duo, non vi preoccupate è solo per una questione di ordine cronologico, ho provato a fare una selezione, ma non sono davvero riuscita 😉

Il pezzo della collezione che preferisco, è la seggiolina THEA che, scusate il gioco di parole, non è una semplice sedia: è, infatti, anche un simpatico teatrino, un contenitore e una lavagna, una perfetta compagna di giochi insomma.

silla-teatro-infatil-thea-general-02

Ma anche l’appendiabiti GROU è unico e davvero particolare… dietro questo progetto c’è una storia…da piccolissimi semi, gli alberi crescono giorno dopo giorno fino a diventare splendide e maestose creature, proprio come i bambini. I pioli di questo appendiabiti non sono fissi, ma scorrono, ogni sera ciascun bambino potrà misurare quanto è cresciuto!

GROU-perchero-arbol-menut-03

E poi c’è OLI un set composto da tappeto e pouf, che bello sarà fermarsi a leggere su un manto di foglie colorate!

alfombra-infantil-fieltro-oli-general-01

Ultimo progetto, ma non per questo meno interessante, le mensole a forma di animali del bosco, ovvero i custodi delle favole più belle! Otto simpatici amici dal design essenziale in cerca di compagni di mille avventure!

estanteria-infantil-guardacuento-general

Spero che mi scuserete se a breve vi proporrò gli altri bellissimi progetti di questi bravissimi designer, me ne sono innamorata! Se non potete resistere qui trovate il link al sito internet Menut.

La camera dei bambini secondo Baby Bottega

1111111

Di solito sono scettica quando ricevo i comunicati stampa di qualche evento, ma quello di qualche settimana fa proveniva da un’agenzia che cura la comunicazione di una boutique fiorentina che avevo scoperto poco prima e che mi aveva letteralmente affascinata. Baby Bottega è un concept store interamente dedicato ai bambini dove Dasy Diaz, mamma e interior designer, propone originalissimi articoli scovati in giro per il mondo oltre ad aiutare i genitori ad arredare le camere dei loro bimbi. Ho chiesto proprio a lei di raccontarci cos’è Baby Bottega.

Cos’è Baby Bottega? Guardando il sito mi viene da dire che non è un semplice negozio, ma un vero e proprio concept dedicato ai più piccoli…

Baby Bottega nasce a Firenze come risultato della mia grande passione per il design e per il magico mondo dell’arredamento d’interni per bambini: infatti sono sempre stata affascinata dalla curiosità dei piccoli e dalla forza della loro immaginazione. Per molti anni ho lavorato come interior designer poi ho deciso di inaugurare Baby Bottega.
Nella nostra piccola bottega accadono cose magiche: noi desideriamo accogliere le mamme e i papà per offrire loro soluzioni pratiche per la stanza dei piccoli che siano realizzate con una caratteristica per me fondamentale, ovvero “amore + design”.
Ma non vendiamo semplicemente dei prodotti… qui tutto è stato progettato e pensato apposta per mamme e bambini, così che potessero sfruttare questo incantevole spazio anche per incontrarsi, svagarsi, stare insieme e divertirsi secondo un ricco calendario di eventi, che comprende corsi di massaggio infantile, storytelling settimanali in lingua inglese per il dopo-scuola o feste speciali in occasione di Halloween, Pasqua, Natale…

Da Baby Bottega si possono trovare brand provenienti da tutto il mondo, quale è il minimo comun denominatore dei prodotti in vendita?

Io cerco personalmente tutti i nostri brand che provengono da ogni angolo del pianeta… le carte da parati dall’Australia, i cd musicali da Los Angeles, le bambole dall’Argentina fino alle coperte che arrivano da Stoccolma! La mia filosofia, quella di amore + design, costituisce il criterio per la scelta di ogni articolo. La qualità e il design fanno parte di qualsiasi oggetto sia stato creato con il cuore.

aaa

La cameretta di un bambino è forse lo spazio della casa che cambia più frequentemente perché subordinata alla crescita di chi la vive. Quali sono i 5 elementi che non possono mancare nella camera di un bebè in termini di colori, arredi, oggetti? E in quella di un bambino?

Come dico sempre ci vuole POESIA, ovvero Praticità, Organizzazione, Eco-sostenibilità, Sicurezza, Innovazione, Amore… i 6 elementi più importanti! (NDR WOOOOOOW)
La praticità infatti è il presupposto fondamentale quando si parla di bambini: spesso infatti basta concentrarsi sull’essenziale.
L’organizzazione non può mancare ed è importante anche perché serve a insegnare ai piccoli che i giochi e gli oggetti in genere, dopo essere stati usati, vanno risistemati.
L’eco-sostenibilità ci permette di rispettare il mondo in cui viviamo ed evitare l’uso di prodotti difficili da riciclare. Inoltre la scelta di vernici e materiali da utilizzare nella stanza dei piccoli non va trascurata.
La sicurezza nell’ambiente progettato per un bambino è poi una regola assoluta: per fortuna oggi possiamo contare su tanti articoli che ci aiutano a proteggere i nostri figli.
L’innovazione è quella caratteristica che ci fa sognare: un design geniale spesso incentiva la nostra immaginazione e rende la vita più facile. 
E infine amore perché, come dicevo, qualsiasi cosa sia progettata per i vostri figli sarà un successo se creata con il cuore!

Ma tornando all’oggetto del comunicato stampa…. Dal 22 marzo la SalaBorsa di Bologna ospita una mostra intitolata “La camera dei bambini” in cui vengono esposti giocattoli e arredi per bambini dal 1900 al 1950 della collezione di Maurizio Marzadori. Baby Bottega è uno dei principali sponsor di questo evento unico e davvero interessante.

ImageHandler.ashx

E ora passiamo alla sponsorizzazione della mostra “La camera dei bambini”, come spieghi la riscoperta di questi ultimi anni, di giochi e arredi appartenuti all’infanzia dei nonni o addirittura bisnonni dei bimbi d’oggi?

I giochi di un’altra epoca sono sempre molto affascinanti, sono vere e proprie opere d’arte capaci di raccontare il momento storico in cui sono state create. Mi viene in mente, ad esempio, una macchinina oppure aeroplano creato nel 1913 che mostra caratteristiche tipiche del movimento Futurista e delle opere di Giacomo Balla. Insomma ci piace questo legame alla storia e alla tradizione che fa parte della nostra identità.

Ripercorrendo la storia del design per bambini, quali sono secondo te i giochi e gli arredi emblematici?
Durante il percorso della mostra a me personalmente colpiscono molto i giochi che appartengono al periodo Fascista. Sono oggetti creati con l’intenzione di ‘addestrare’ i bambini a certe teorie sin dalla più tenera età. La propaganda dietro la creazione di ogni articolo è davvero impressionante, tuttavia anche in questi oggetti si possono ritrovare riflessi della società e delle condizioni dell’epoca. Accanto a questi giochi, alla mostra sono esposti anche quelli istruttivi di Maria Montessori, che al contrario è stata una grande pioniera del sistema educativo: è interessante osservare, attraverso i giocattoli, due modi così diversi di istruire i bambini!
Impossibile non rimanere incantati anche dagli arredi esposti: in particolare mi ha affascinata una culla di legno del 1940, completamente scolpita a mano con elementi iconici diversi: fiori, persone e uccelli… mai visto tanto amore + design!

156-2 116 093-1 081-1 67 148

Appuntamenti immancabili, quindi, per gli amici bolognesi e fiorentini, ma anche per quelli di passaggio 😉

 

Buon compleanno Kiddy Kabane

Non ho ancora avuto modo di presentarvi una boutique online che seguo da diverso tempo e che è stata uno dei miei primi siti amici. Su Kiddy Kabane trovate moltissimi e bellissimi articoli per l’infanzia, che Paola scova in giro per il mondo; la sua avventura è cominciata quando aspettava il suo bimbo Edoardo, “durante la gravidanza ho scoperto il mondo dell’infanzia cercando oggetti, accessori e complementi d’arredo funzionali e divertenti per il mio bimbo, ma che appagassero anche il mio gusto per le cose belle”. Una volta nato Edoardo, Paola ha deciso di continuare a cercare e ha dato vita a questa nuova realtà che a breve compierà un anno!

E proprio in occasione del primo compleanno, il 31 marzo potete approfittare di uno sconto del 10% su tutti i prodotti presenti sul sito utilizzando il codice KIDDYDAY. Cosa aspettate correte a dare un’occhiata!

nl

 

Ecco la mia mini selezione:

Per Alessandro (21 mesi)

Fotor0325221150

1. Donkey, Cucchiaio macchinina. Perché in questo periodo (ma credo che siamo solo all’inizio) la colonna sonora delle mie giornate è Brum Brum. 2. Micro, monopattino. questo per la verità Alessandro l’ha già, è un super fantasticissimo articolo di cui spero di parlarvi presto. 3. Little Life, zainetto Rory il dinosauro. Perché stiamo cominciando a scoprire i dinosauri e ci piacciono un sacco!

Per Filippo (7 mesi)

Fotor0325222149

1. Skip Hop, set di paperelle impilabili. Perché cominciamo a divertirci a fare il bagno e queste paperelle sono utilissime anche per  evitare che mamma faccia finire lo shampoo negli occhi sciacquando la testa. 2. Biobu by Ekobo. Perché siamo in pieno svezzamento e le pappette ci piacciono moltissimo. 3. Nobodinoz, materassino attività. Perché ormai non stiamo un attimo fermi ed occorre uno spazio “protetto” dalle grinfie del fratellone.

Storybook Bed

storybook-bed

Sto seriamente pensando di iscrivermi a un corso di interior design qui a Singapore e non avendo ancora trovato una scuola ho deciso di non perdere tempo e cominciare a documentarmi un po’ su i principali trend e stili di questa parte del mondo. Curiosando in rete ho scoperto questo prototipo sviluppato dal fotografo Yusuke Suzuki, si tratta di un tappeto gioco a forma di libro, che si trasforma in letto; mi hanno spiegato, infatti, che qui in Asia è molto comune dormire su dei materassini molto sottili che possono essere rimossi durante il giorno per guadagnare spazio.

storybook-bed_2

 

 

Storybook Bed non è ancora il commercio, personalmente faccio il tifo perché arrivi presto, è già diventato il mio libro preferito!

Proprio come la mamma

Con la carrozzina…

Fotor1205145936

 

1. Sebra, Carrozzina per bambole in rattan, disponibile su Kiddy Kabane; 2. Londji, Ma grande valisette in cartone riciclato con chiusura magnetica, disponibile su Family Nation; Blabla, bambola Apple, disponibile su Kiddy Kabane.

Al mercato…

Fotor1205154734

 

 

1. Howa, attività commerciale in legno, disponibile su Smallable; 2. IKEA, Duktig verdure; 3.  Janod, Chic Green Grocer Set, disponibile su French Blossom.

In cucina…

Fotor120516034

 

1. Hape, Insalata dell’orto, disponibile su Kiddy Kabane; 2. Hape, Set dolcetti pan di zenzero, disponibile su Kiddy Kabane; 3. Egmont Toys, Cucina in legno, disponibile su Desk

Il Natale di The Wandering Workshop

il_570xN.513169796_l8se

 

Da buona milanese faccio da sempre albero di Natale e presepe il giorno di Sant’Ambrogio, il 7 dicembre, qui a Lussemburgo però non è fattibile dal momento che si festeggia Saint Nicolas l’8 dicembre… uno scontro culturale insomma a cui non ho ancora deciso come porre rimedio! In ogni caso il mese di dicembre è cominciato già da qualche giorno per cui do ufficialmente il via a una serie di post con tante idee per le feste.

Oggi desidero cominciare con le ultime creazioni di The Wandering Workshop, un piccolo atelier che seguo ormai da diverso tempo, fondato da una coppia di artigiani, lei greca lui spagnolo, che si divertono a creare e realizzare a mano bellissimi e soprattutto coloratissimi giocattoli in legno. Tempo fa vi ho presentato i loro capolavori, ma il post di oggi è dedicato esclusivamente a l’alberello di Natale e al pupazzo di neve Petros.

Fotor1204165438

Entrambi sono dei giocattoli componibili adatti per bambini dall’anno in su, ma perché no anche simpatiche decorazioni per questo periodo di feste. Come tutti i giocattoli di The Wandering Workshop sono realizzati a mano, in compensato di betulla, e dipinti utilizzando colori non tossici a base d’acqua. Ed essendo prodotti praticamente su ordinazione, è possibile chiedere a José di aggiungere una personalizzazione, ad esempio il nome del fortunato destinatario.

Fotor1204165035

Per scoprire tutte le meraviglie di The Wandering Workshop potete visitare il sito internet o la boutique Etsy.

 

 

Dinovember

Il post di oggi non è farina del mio sacco, ma non potevo non condividerlo… Poco fa ho ricevuto la newsletter di un blog che seguo, Bye Bye Charlie, che a sua volta riportava le creazioni di un papà un po’ matto o meglio per quanto mi riguarda un genio! ecco cosa si è inventato Refe Tuma per i suoi bimbi….FANTASTICO!

1*PfXp1tYZf7tRwFkWwCulIQ

 

“Every year, my wife and I devote the month of November to convincing our children that, while they sleep, their plastic dinosaur figures come to life.

It began modestly enough. The kids woke up to discover that the dinosaurs had gotten into a box of cereal and made a mess on the kitchen table.

1*itvZBBGsRJ5OG-J4kNyRRQ

 

The next morning, the dinos had climbed onto the kitchen counter to raid the fruit bowl.

1*cjfhnfSTVz-kPKkEH1EtpA

 

The morning after that, they had managed to breach the refrigerator and help themselves to a carton of eggs. “Uh-oh,” we heard our girls whisper. “Mom and Dad are not going to like this.”

1*BHjdCN6_3yA8fK8CN2DyHA

 

Things quickly escalated from there. More often than not, the dinos’ antics were less than tidy. They are dinosaurs, after all.

1*MdeWIcVlOdCkEIfBFJ9KxA

 

1*x5Lx0WIwenL24lQFViaKaw

 

To be fair, they did clean up after themselves from time to time.

1*29CEq1p713d1wMA2DX7nkg

 

Usually, though, the dinosaurs are just like anybody else—looking to have a good time.

1*dD09c81bYRzu25smqRd3Rw

1*jzUos-ODRtIO8Mtn-WAteA

 

Why do we do this? Because in the age of iPads and Netflix, we don’t want our kids to lose their sense of wonder and imagination. In a time when the answers to all the world’s questions are a web-search away, we want our kids to experience a little mystery. All it takes is some time and energy, creativity, and a few plastic dinosaurs.

Childhood is fleeting, so let’s make sure it’s fun while it lasts.

If you’d like to follow along with Dinovember 2013, join our Facebook page. If you’d like to join in with your own family, post your pics on Twitter or Facebook (set to ‘public’ so we can see them!), using the hashtag #dinovember.”

WOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOW

Alessandro non ha ancora dinosauri domani corro a comprarne un treno! In casa mia manca solo un’invasione di dinosauri impazziti ma qualcosa mi dice che mi divertirò più io di lui 😉

 

 

 

DESK

Nuove rubriche per ilmondodeibimbi… Avrete forse notato che da qualche settimana ho inserito uno spazio per i loghi di siti amici, questa idea mi è stata suggerita da alcuni di voi desiderosi di acquistare i prodotti di cui vi parlo e allo stesso tempo curiosi di scoprire nuove realtà online, grazie mille per il consiglio! Ecco quindi uno spazio dedicato a boutique online che propongono giocattoli, accessori, pezzi d’arredamento unici dedicati ai più piccoli, ma non solo, e saranno proprio i fondatori e gestori di ogni store a raccontarvi l’avventura del concept che hanno ideato.

Oggi cominciamo con Desk; a fare gli onori di casa è Carla Pinto, una mamma architetto appassionata di design, che con il suo store lancia una sfida a uno dei paesi patria del design con un progetto innanzitutto educativo rivolto ai bambini e ai loro genitori, ma sentiamo cosa ci racconta …

Schermata 2013-11-15 alle 12.27.54

1. Cosa significa DESK?

Desk è l’acronimo di DESign for Kids, ma è anche la traduzione inglese delle parole tavolo, banco, banchetto…ovvero di quel mobile che per i bambini è luogo deputato alla creatività assoluta, ma anche allo studio, alla scoperta di nuove cose, alla lettura, ma anche al gioco, a tutte quelle attività fondamentali allo sviluppo di un bambino, per questo la scelta della parola desk, per cercare di veicolare in una sola parola una miriade di concetti e di spunti.

2. Oggetti non semplicemente belli, ma che accompagnano il bambino nella crescita e lo aiutano a sviluppare creatività e competenze; come selezionate gli articoli che vendete? Non so se vi appoggiate a teorie o scuole pedagogiche….

Gli articoli in vendita sono selezionati in base ai criteri già parzialmente esposti da te nella domanda…nel senso che abbiamo cercato di inserire nel nostro catalogo:
– giochi creativi e stimolanti, che implichino un ruolo attivo del bambino e della sua creatività,

– arredi versatili e “trasformisti”, che diventano mille cose nelle mani dei bambini,

– semplici oggetti decorativi che, grazie a fogge e colori particolarmente stimolanti, riescono ad attrarre il bambino a scoprirne ogni caratteristica,
– con un’attenzione particolare a materiali naturali e riciclabili, che allontanano anche i più piccoli dalla tentazione di riempire i propri spazi con oggetti di poco valore, in tutti i sensi…
– biancheria e complementi di arredo con soggetti e colori che quasi sempre hanno significati lontani da quelli dei normali oggetti di consumo, dove campeggiano immagini di supereroi e fatine, quasi sempre soggetti imposti ai bimbi dal mercato e dai media.

Si potrebbe discernere per ore, sicuramente le linee guida nella scelta di oggetti ed arredi hanno un nesso con i principi cardine di alcune “filosofie”, capisaldi nella formazione del gusto di DESK sono state le sperienze di Rudolf Steiner, Maria Montessori, Bruno Munari ed Enzo Mari, imprescindibili figure guida!

3. Rispetto ad altri cataloghi di arredamento per bambini, i vostri mobili presentano linee essenziali e colori neutri. In cosa questo aiuta un bambino rispetto a una camera dai colori sgargianti?

Le linee essenziali ed i colori neutri, come li definisci tu, per noi non sono altro che una sorta di “tela bianca” che il bimbo può disegnare e colorare, riempiendone gli spazi con  oggetti colorati, disegni, materiali di ogni tipo…inoltre la neutralità di alcuni nostri prodotti permette a questi di durare nel tempo, superando il gusto “colorato” del bambino, ipotizzando così per il mobile una vita transgenerazionale, aspetto fondamentale nella scelta di alcuni oggetti di cui ci circondiamo.

 Schermata 2013-11-16 alle 21.04.58

4. come mai in Italia, una delle patrie mondiali del design, i progetti dedicati ai bambini hanno difficoltà a emergere?

Perché in Italia negli ultimi vent’anni abbiamo assistito ad un impoverimento culturale spaventoso, sotto tutti gli aspetti, basti pensare alla miriade di riforme scolastiche che hanno portato al solo declassamento del nostro sistema formativo…la stessa cosa è avvenuta per tanti aspetti della vita culturale del nostro paese, il design non ne è rimasto escluso…purtroppo.

5. Oltre a mobili e complementi d’arredo, proponete un servizio di progettazione d’interni; come funziona?

Il servizio di progettazione è seguito da una persona qualificata che, in base ad un sopralluogo (quando possibile…) o al materiale fornito dal cliente (fotografie, planimetrie, prospetti degli ambienti da “curare”), prepara una bozza di progetto, corredato da piante prospetti ed indicazione di materiali e prodotti, da discutere con il cliente, sempre!

6. Se doveste consigliare tre articoli presenti in assortimento, cosa scegliereste?

SEGGIOLINA POP di Magis, disegnata da Enzo Mari

POUF PIT STOP di Richard Lampert

MOBILE ELEPHANT di Flensted

…così…a bruciapelo!